Civilization V CIVILOPEDIA Online
Civiltà e leader
Maria I

Vissuto:

Dal 1734 al 1816 d.C.

Titoli:

Regina reggente di Portogallo, Brasile e Algarve

Civiltà:

Maria I
Leader del Portogallo

Informazione sulla partita:

Mare Clausum

Per il Portogallo, la diversità delle Risorse frutta una quantità doppia di gold Oro nelle Rotte commerciali.

Storia

In una dinastia marcata per secoli dalla tragedia e dalla follia, Maria I è senza dubbio la più famosa al mondo, e forse la più amata dal popolo portoghese. Regina di Portogallo, del Brasile e dell'Algarve, fu chiamata Maria la Pia quando governava il Portogallo e Maria la Pazza dopo essere fuggita in Brasile nel 1807 davanti all'invasione di Napoleone. Resa inabile da una follia crescente, Maria I morì a Rio de Janeiro nel 1816.

Giovinezza

Maria, cresciuta ed educata a corte con le 3 sorelle minori, mostrò un profondo interesse verso la religione e la teologia. Affascinata dal rituale e dalla trasparenza della fede, passava lunghe ore in preghiera e devozione. I resoconti dei visitatori a corte riportano che, sebbene fosse alta, era graziosa, con lineamenti appuntiti ma un sorriso caldo. Tuttavia, già adolescente cominciò a soffrire di crisi di melanconia e agitazione nervosa, che occasionalmente la costringevano a restare confinata a letto.

Una volta cresciuta Maria sposò Pedro III, fratello minore di suo padre. Nonostante la differenza d'età, Maria aveva 25 anni e Pedro 42, il matrimonio fu stabile e felice. Entrambi erano molto devoti, partecipando insieme alla messa più volte al giorno. Pedro fece abbattere il suo palazzo a Queluz per ricostruirlo nello stile di Versailles, che Maria ammirava; la coppia vi prese residenza nel 1764. Nel corso degli anni Maria diede alla luce sette bambini, di cui però solo tre sopravvissero fino all'età adulta.

Ascesa al trono

Nel 1776 il re José I fu colpito da un infarto, morendo nel febbraio del 1777. In seguito al terremoto e all'onda di maremoto che avevano devastato Lisbona e la costa del Portogallo nel 1755, e a un tentativo di assassinio nel 1778, José aveva lasciato sempre più il governo del paese nelle mani del suo spietato segretario di stato, il marchese di Pombal, le cui brutali riforme avevano ridotto i diritti civili e le libertà personali. Appena salita al trono, il primo atto di Maria fu il suo allontanamento, dovuto più che altro alle sue politiche implacabilmente anti-gesuite.

Negli anni successivi il Portogallo fu sempre più coinvolto negli affari europei. La Rivoluzione Francese spinse il governo a stringere un'alleanza con la Gran Bretagna. Nel luglio 1782, sperando di sfuggire alle guerre napoleoniche, il Portogallo si unì alla Lega della neutralità armata. Maria e il consorte passarono questi anni dedicandosi alle arti, promuovendo in special modo opere religiose e progetti di costruzione.

Follia

Per molto tempo la regina aveva sofferto di manie religiose e melanconia, ma il suo stato mentale fu riconosciuto per la prima volta all'inizio del 1786, quando in seguito a una cerimonia religiosa dovette essere trasportata nei suoi appartamenti in preda a un attacco delirante. Il suo stato si aggravò quando nello stesso anno il marito morì dopo una breve malattia, seguito due anni più tardi dal figlio maggiore e dalla sola figlia sopravvissuta Mariana. Nello stesso anno anche il confessore di lunga data della regina passò a miglior vita. L'effetto complessivo di questi eventi fece precipitare Maria I nella completa follia.

Nel 1792 il consiglio dei ministri concluse che la loro regina era alienata e chiese che l'unico figlio sopravvissuto, João, "prendesse su di sé la direzione degli affari pubblici". Nel 1799 João assunse la carica di principe reggente del Portogallo, dato che la madre non era in condizioni di regnare. Maria I fu confinata nel palazzo, dove occasionalmente si aggirava nei corridoi gridando "Ay, Jesus" e invocando il nome del marito e dei figli morti.

Fuga in Brasile

Nel 1807 il rifiuto del governo di unirsi al blocco navale di Napoleone contro l'Inghilterra culminò con l'invasione franco-spagnola. Impossibilitato a resistere, João, sollecitato dal governo inglese, decise di fuggire con tutta la famiglia reale e i suoi ministri nel vicereame portoghese del Brasile. Sebbene Wellington fosse destinato a liberare il Portogallo durante la Guerra nella penisola iberica, la famiglia reale restò in Brasile per molti anni.

Maria stessa trascorse la maggior parte della vita che le restava nel convento Carmo, a Rio de Janeiro. Durante gli otto anni che vi passò cominciò a soffrire di disturbi fisici sempre più gravi, tra cui dissenteria e febbri tropicali; l'artrite e l'edema la confinarono su una sedia a rotelle e infine a letto. Quando il figlio o altri membri della famiglia la andavano a trovare, avrebbe gridato ripetutamente: "Voglio morire!". Alla fine, a 81 anni, la sua tragica vita ebbe fine.

Il giudizio della Storia

Nonostante la sua follia, Maria I è una figura molta ammirata in Portogallo e in Brasile, grazie ai cambiamenti e agli eventi che ebbero luogo durante il suo regno. In Portogallo è considerata una delle figure femminili più forti della sua lunga storia. La sua prominenza nella cultura del paese è ben illustrata dal Palazzo Nazionale di Queluz, un capolavoro barocco che Maria aiutò a concepire. In Brasile è considerata una delle figure chiave dell'indipendenza del paese. La sua vita personale è certamente stata dolorosa, ma il suo retaggio storico non lo è.